Consorzio di Tutela e Valorizzazione dell'olio Extra Vergine di Oliva D.O.P. Bruzio


Vai ai contenuti

Tracciabilità

Olio

LA TRACCIABILITA’ E LA RINTRACCIABILITA’

Nel 1992 con il Regolamento CEE 2081/92 della Comunità Europea nasce, unitamente alla IGP – Indicazione Geografica Protetta, la DOP – Denominazione d’Origine Protetta valida per i prodotti agroalimentari. La Denominazione di Origine Protetta (DOP) è il marchio europeo che identifica i prodotti locali che presentano particolari caratteristiche di qualità e tipicità.
La D.O.P. impone le norme di controllo più stringenti in assoluto, ed è quella che garantisce di più il consumatore, almeno con riferimento ad alcune caratteristiche del prodotto, è il più alto livello di garanzia, della qualità del prodotto e della lavorazione, riconosciuto a livello europeo.
Infatti la DOP offre garanzie su diversi livelli del processo produttivo ed in particolare sull’ origine, sulla provenienza delle materie prime, sulla localizzazione e sulla tradizione.
I prodotti a denominazione di origine protetta e cioè certificati DOP offrono
a) serietà, essendo prodotti regolamentati da norme italiane e comunitarie;

b) tracciabilità, in quanto i prodotti provengono da una zona geografica delimitata;

c) legame con il territorio, poiché i prodotti sono ottenuti con metodi tradizionali, presentano delle caratteristiche particolari dovute ad un intimo legame tra prodotto e territorio con caratteristiche geologiche, agronomiche e climatiche inimitabili;

d) tipicità ovvero rispetto del metodo di produzione tradizionale e dei metodi di fabbricazione che preservano la tipicità del prodotto. Per poter fregiare un prodotto con la DOP devono sussistere due condizioni essenziali, specificate dall’articolo 2 del Regolamento CEE 2081/92 e precisamente:
1) le particolari qualità e caratteristiche del prodotto devono derivare, esclusivamente o essenzialmente, dall’ambiente geografico del luogo d’origine, intendendosi per “ambiente geografico” non solo i fattori naturali ma anche quelli umani, quindi le conoscenze e le tecniche locali;
2) la produzione delle materie prime e la loro trasformazione fino al prodotto finito devono essere effettuate nel luogo delimitato di cui il prodotto porta il nome.

La tracciabilità di un prodotto DOP, ovvero la garanzia riguardo il luogo di provenienza e di trasformazione delle materie prime è la caratteristica più importante.


Acquistando un prodotto DOP il consumatore è certo riguardo la provenienza degli ingredienti che lo compongono: questa informazione è importante per quei prodotti le cui qualità sono, per un motivo o per l’altro, sensibili a questo fattore, come ad esempio l’olio extravergine di oliva.
Ogni prodotto DOP, per diventare tale, deve rispettare un disciplinare di produzione che vincola in modo ferreo tutte le fasi della produzione e della trasformazione.
Consumare olio extravergine di oliva DOP significa avvicinarsi al territorio di origine, alla sua storia, alle sue tradizioni ed apprezzare il frutto del lavoro dell’uomo.
Il territorio Bruzio, grazie alla secolare abilità ed esperienza degli olivicoltori e dei frantoiani ma soprattutto grazie all’ampia gamma di profumi e sapori che le principali varietà di cultivar previste dal disciplinare per la produzione dell’olio extravergine di oliva DOP Bruzio sono in grado di esprimere, consente di ottenere oli unici ed inimitabili.


Torna ai contenuti | Torna al menu