Consorzio di Tutela e Valorizzazione dell'olio Extra Vergine di Oliva D.O.P. Bruzio


Vai ai contenuti

S.Basile

Territorio > Fascia prepollinica

San Basile č un comune italiano di 1.080 abitanti della provincia di Cosenza in Calabria.

Sorge alle falde del Monte Pollino nel versante Nord/Est della catena costiera nel Parco Nazionale del Pollino, e fa parte della Comunitą Montana del Pollino. Fondata nella seconda metą del XV secolo, č tra i paesi arbėreshė (minoranza etnico e linguistica albanese) che mantiene la lingua, i costumi, il rito bizantino greco e la cultura degli antenati.
San Basile č uno dei comuni di origine greco-albanese presenti sul territorio calabrese. Fu fondato da una comunitą di albanesi verso il 1475-1480, giunti in Italia al seguito di Giorgio Castriota Scanderbeg per sfuggire alla conquista turca dei Balcani e della Grecia. Sorse intorno al cenobio di San Basilio Craterete, da cui deriva anche il nome, e popolņ intorno al monastero basiliano oggi Santuario di Santa Maria Odigitria, uno dei soli tre monasteri di rito greco esistenti in Italia. Il primo documento che testimonia la presenza di albanesi sono i Capitoli stipulati con il Vescovo di Cassano allo Ionio (Marino Tomacelli) risalenti al 1510. Il paese andņ costituendosi a nord dell'antico cenobio, e le prime abitazioni vennero costruite al di sopra del rione (gjitonia) Kroj che in arbėresh significa sorgente. Proprio per le sue origini la maggioranza della popolazione parla la lingua albanese (arbėreshė) e professa la religione cattolica con rito greco-bizantino. Fu feudo dei duchi di Castrovillari, di Nicola Integrato da Cariati e di Francesco Campolungo di Altomonte. Nel 1617 passņ al duca di Saracena, quindi all'abate di Castrovillari e infine, ai principi di Scalea. La coscienza di appartenere ad una stessa etnia, ancorché dispersa e disgregata, si coglie tra l'altro in un motto molto diffuso, che i parlanti albanesi spesso ricordano quando si incontrano: "Gjaku ynė i shprishurė", che vuol dire "Il sangue nostro sparso".

Tra i suoi figli pił illustri ricordiamo: Angelo Bellizzi (sec.XVIII) sacerdote, teologo, storiografo e poeta; Costantino Bellizzi, eroe risorgimentale.




Torna ai contenuti | Torna al menu